ITINERARIO SNORKELING

ITINERARIO SNORKELING: TRA I FONDALI ROCCIOSI

TRA CAPONEGRO (AVOLA) E CIRICA (ISPICA)

Sono oltre 90 i chilometri di litorale delle Terre dei due Mari. Da Avola a Pozzallo alle incredibili spiagge di finissima sabbia si alternano stupende coste rocciose, con alte pareti a falesia che si ergono sul mare. Spesso nascondono grotte e calette di roccia, le cui acque risultano azzurre e limpidissime. Non è un caso, infatti, che gli amanti dello “snorkeling” ricerchino posti lontani da sabbie e apporti fluviali, perché essendo prive di sospensione sabbiosa le acque del mare sono anche più limpide e pulite, garantendo così un’ottima visibilità. Questi luoghi diventano così meta perfetta per esplorare piccoli scogli e grotticelle superficiali ammirando flora e fauna sommerse senza essere necessariamente esperti subacquei. I luoghi deputati allo snorkeling sono numerosissimi e disseminati su tutta la costa.

CAPONEGRO 
Bellissima località balneare a nord-est di Avola. Una splendida insenatura rocciosa, con una piccola scaletta in ferro che agevola l’entrata in acqua. Grossi blocchi rocciosi permettono anche l’appoggio dell’attrezzatura durante la vestizione. Fondale non sabbioso, ricco di rocce incrostate da balanidi, patelle e ricci, di fauna ricca di crostacei (soprattutto granchi) e di piccoli pesci di sottocosta. Non è raro imbattersi in polpi e murene nascosti tra le rocce. 

VENDICARI 
La costa rocciosa dell’Oasi Faunistica di Vendicari si raggiunge esclusivamente dalle porte di accesso principale della Riserva. La balneazione non è vietata, ma la pesca sì. E’ permesso usare maschere e pinne ma non equipaggiarsi di coltelli, fucili ad aria compressa o ad elastici. Solo snorkeling puro. L’area protetta si estende a tutta la zona sopra e sotto costa. Il mare di Vendicari è limpido e pulito. Nella parte più sabbiosa del fondale è presente una incredibile prateria di Posidonia Oceanica, tra le più grandi del Mediterraneo, che ricopre una superficie di quasi 30 chilometri quadrati. Vero e proprio polmone di ossigeno per queste acque, funge da protezione e nutrimento per moltissime specie animali che la abitano: pesci, molluschi, bivalvi (tra cui la rarissima “Pinna Nobilis”) e il solitario cavalluccio marino. 

ISOLA DI CAPOPASSERO 
Appena fuori dal centro di Portopalo, da una piccolissima spiaggia sotto la Terrazza dei due Mari, ci si può dirigere verso l’Isola di Capo Passero, solo se muniti di buone pinne. Fino a poco tempo fa l’isola era unita alla terraferma tramite un istmo sabbioso. Tutta la costa sotto l’isola è frastagliata e ricca di grotte sommerse. Dove le acque del mare si infrangono sulle rocce e si ossigenano, non è raro imbattersi in banchi di saraghi, spigole, sogliole e qualche cernia. 

CIRICA 
Superato Porto Ulisse, nel territorio di Ispica, si arriva alla zona della Marza. Qui i frangiflutti hanno creato delle spiaggette, lasciando a secco alcune grotte ma permettendo così di arrivare ai grandiFaraglioni. Il mare di questa costa è tra i più azzurri e limpidi del Mediterraneo. Le Secche di Circe, a poche centinaia di metri dalla costa, sono state causa di incredibili naufragi nel passato, per cui non è raro imbattersi in reperti archeologici talmente incrostati dal tempo da essersi fusi completamente con il patrimonio naturale sommerso. Tra alghe verdi, falso corallo e spugne si nascondono furtivamente murene, polpi, saraghi e aguglie. Mentre tra le rocce si mimetizzano, nelle loro livree variopinte, gli scorfani.

Fonte GAC dei due mari

Chi Siamo

La Pro Loco Marzamemi è un’Associazione di volontariato, di natura privatistica, senza fini di lucro, con valenza di pubblica utilità sociale, e con rilevanza di interesse pubblico.

Meteo

giweather joomla module
طراحی سایتسفارش سئوکاشت موbet script
Questo sito Utilizzia i cookie per migliorare la navigazione. Continuando ad utilizzare questo sito, si da il consenso per l'utilizzo dei cookie. More details…